Progetto formativo “INSIEME – Inclusione Sociale e interventi Educativi Mediante l’orto di aiuto”

Progetto formativo “INSIEME – Inclusione Sociale e interventi Educativi Mediante l’orto di aiuto”

BANDO DI SELEZIONE

P.O. FSE 2014-2020 – ASSE 2 – Priorità 9i – Obiettivo specifico 9.1.2


AVVISO PUBBLICO

“Percorsi di accompagnamento a persone in particolari condizioni di vulnerabilità e fragilità sociale” Progetto formativo “INSIEME – Inclusione Sociale e interventi Educativi Mediante l’orto di aiuto”

Ambito Socio Territoriale di attuazione: MARMO PLATANO MELANDRO
Comuni: Balvano, Baragiano, Bella, Brienza, Castelgrande, Picerno, Ruoti, Sant’Angelo Le Fratte, Sasso di Castalda, Satriano di Lucania, Savoia di Lucania, Tito, Vietri di Potenza

La Regione Basilicata, con il cofinanziamento del Fondo Sociale Europeo, ha affidato all’ ATI EVOLUTIONCISF S.r.l. – WALL Soc. Coop Sociale – all’Associazione Solo Uguali Diritti S.U.D, l’attuazione delle azioni progetto del progetto denominato “INSIEME” nell’ambito dell’Avviso Pubblico “Percorsi di accompagnamento a persone in particolari condizioni di vulnerabilità e fragilità sociale” (D.G.R. n. 29 del 22 Gennaio 2018)


Indennità oraria per attività formativa

Per i destinatari del progetto frequentanti le attività formative sono previsti:
Indennità di frequenza pari a € 2,00 al lordo delle ritenute di legge, per ogni ora di effettiva frequenza;
Materiale didattico individuale;
DPI individuali per la fase di Laboratorio.

Destinatari
Sono destinatari del presente Avviso Pubblico n.15 beneficiari che risultino:

1. In condizioni di svantaggio ai sensi dell’art. 4, comma 1, legge n. 381/1991 o da altri soggetti formalmente presi in carico dai Servizi Sociali competenti o dai Servizi per l’impiego caratterizzati da particolare vulnerabilità e fragilità con specifico riferimento ad elementi quali:
– persistente inoccupazione
-condizioni di rischio per uso di stupefacenti e per altre dipendenze
– la detenzione negli istituti penitenziari, condanne ammesse alle misure alternative alla detenzione ed al lavoro all’esterno, sottoposte ad almeno un provvedimento definitivo di condanna emesso dall’autorità giudiziaria con limitazione e/o restrizione della libertà personale, anche in regime di media sicurezza senza aggravanti di pericolosità sociale;
– la presenza di componenti con malattie croniche invalidanti e/o doppia diagnosi;
– il rischio di micro criminalità

2. Residenti in uno dei Comuni dell’area Socio Territoriale del Marmo Platano alla data di pubblicazione dell’avviso

3. Non risultino beneficiari di altre misure di accompagnamento quali:
– Reddito minimo di inserimento,
– SIA – sostegno inclusione attiva
– REI Reddito di inclusione

Obiettivo
DIMINUIRE IL NUMERO DI FAMIGLIE IN SITUAZIONE DI POVERTA’ E A RISCHIO DI ESCLUSIONE SOCIALE ATTRAVERSO SERVIZI SOCIO-ASSISTENZIALI.

Finalità
Il progetto intende attivare percorsi tesi a promuovere il benessere delle famiglie:

a) Favorire una cultura della partecipazione, dell’accoglienza, della solidarietà e del mutuo aiuto;
b) Offrire sostegno dal punto di vista educativo e relazionale;
c) Sostenere e sperimentare la prevenzione precoce, anche in ambito scolastico, su temi legati alla violenza di genere, al disagio minorile e alle difficoltà relazionali ed educative.

Modalità di partecipazione
Per accedere alle opportunità previste dall’avviso ogni richiedente dovrà recarsi presso l’Ufficio dei Servizi Sociali del Comune di residenza e consegnare la domanda di partecipazione, redatta in carta semplice, secondo lo schema allegato, dovrà contenere tutte le indicazioni richieste. Il candidato dovrà apporre in calce alla domanda la propria firma e allegando fotocopia di un valido documento di identità.
Nel caso di persone residenti in Basilicata con domicilio temporaneo presso altre strutture e/o persone in carico a servizi di carattere sanitario e/o socio-sanitario la richiesta può essere inviata dal responsabile della struttura al competente Comune di riferimento. In quest’ultimo caso, la richiesta deve essere comunque sottoscritta dal destinatario, salvo i casi di limitata capacità legale, nei quali deve essere sottoscritta dal tutore legale.
Ciascun Comune redigerà a seguito della valutazione delle istanze un elenco dei potenziali nuclei familiari destinatari che trasmetterà all’ufficio dei servizi sociali del Comune Capofila dell’Ambito Socio Territoriale di cui alla D.G.R. del 07/07/2015.

L’elenco dei candidati ammessi avverrà secondo una MODALITÀ A SPORTELLO e fino ad esaurimento posti.

Sede di Svolgimento
Presso i Comuni di residenza dei destinatari.

Graduatoria
L’elenco degli ammessi alle attività dovrà essere redatto dall’ufficio dei servizi sociali di ogni singolo Comune. Sarà in capo al Comune di Picerno, Capofila dell’area Marmo Platano, l’onere di trasmettere alla Regione Basilicata ed al oggetto Capofila EVOLUTIONCISF S.r.l. l’elenco degli ammessi garantendone la corretta gestione dei dati sensibili.

Per info ed iscrizioni ⬇️

✔️ Scheda di iscrizione

✔️ www.evolutioncisf.com

✔️EvolutionCISF S.r.l.
Tel/Fax 0971.51099
Via del Seminario Maggiore | 85100 POTENZA

Linee Guida sull’Autismo: l’ISS avvia la consultazione pubblica sulle prime raccomandazioni

Linee Guida sull’Autismo: l’ISS avvia la consultazione pubblica sulle prime raccomandazioni

ISS, 17 aprile 2019

Richiedere il parere di tutti i soggetti interessati alla Linea Guida (LG) sul disturbo dello spettro autistico nei bambini e negli adolescenti rispetto alle prime due raccomandazioni cliniche formulate dal panel di esperti. È questo l’obiettivo della seconda consultazione pubblica avviata dall’Istituto Superiore di Sanità con un avviso pubblicato sul sito sul sito del  Sistema Nazionale Linee Guida.

“Il panel di esperti– puntualizza Primiano Iannone, Direttore del Centro per l’eccellenza clinica e la qualità e sicurezza delle cure dell’ISS – ha utilizzato il GRADE Evidence to Decision framework per procedere in modo strutturato e trasparente dalle prove alle raccomandazioni, in conformità a quanto previsto dal Manuale metodologico per la produzione delle Linee Guida dell’ISS”.

Dal 17  aprile 2019 al 15 maggio 2019 gli stakeholder già registrati e abilitati sulla  piattaforma SNLG   e i nuovi iscritti potranno partecipare alla consultazione pubblica esprimendo il proprio parere sulle raccomandazioni formulate, utilizzando i moduli predisposti.

Gli stakeholder già abilitati che hanno partecipato alla precedente consultazione pubblica sui quesiti clinici potranno utilizzare le stesse credenziali d’accesso fornite in quella occasione. Le organizzazioni non ancora registrate ma che sono interessate a partecipare alla consultazione potranno farlo inviando la propria Espressione di interesse tramite email all’indirizzo cts_lgautismo@iss.it entro e non oltre la mezzanotte di martedì 7 maggio.

“Questa ulteriore consultazione – evidenzia Maria Luisa Scattoni, coordinatrice dell’Osservatorio Nazionale Autismo e del Comitato Tecnico-Scientifico della Linea Guida – segue quella sui quesiti clinici i cui esiti saranno pubblicati a breve sul sito dell’Osservatorio Nazionale Autismo”. E aggiunge “è per noi cruciale coinvolgere i ‘portatori di interesse’ (stakeholder) in tutte le fasi di sviluppo della LG. Le raccomandazioni saranno rese pubbliche insieme alle evidenze scientifiche prodotte dai centri di revisione sistematica su un sito web dedicato, liberamente accessibile e consultabile”.

Come specificato nell’Avviso di consultazione pubblica, possono partecipare alla consultazione presidenti/direttori generali/segretari generali o scientifici/rappresentanti legali di società scientifiche, associazioni e rappresentanti di cittadini, pazienti e familiari/caregiver, imprese del settore industriale, istituzioni pubbliche nazionali e regionali, università, istituti di ricerca pubblici e privati.

Per informazioni sulle scadenze si può consultare il sito

Corso gratuito “Operatore Agricolo”

Corso gratuito “Operatore Agricolo”

“Operatore agricolo – Indirizzo coltivazioni arboree, erbacee e ortofloricole ”

Corso GRATUITO con INDENNITÀ DI FREQUENZA. (Pari a 0,50 cent. Per ogni ora effettuata)

Il corso ha una durata complessiva di 3200 ore, in 3 anni: comprende attività didattiche e pratiche.

Per info ed iscrizioni:
Sede SMILE PUGLIA
Via della Repubblica, 68
0881770464
foggia@smilepuglia.it

 

Evento “SpaccaNoci 2019”

Evento “SpaccaNoci 2019”

Quest’anno l’Associazione Solo Uguali Diritti – SUD grazie all’invito del presidente Stefano Bianco della A.S. Montedoro, parteciperà a SpaccaNoci il 7 aprile.

Un magnifico evento che vedrà la partecipazione attiva dei nostri ragazzi e delle loro famiglie, giochi, sport, consegna delle uova pasquali e tanto altro.

Chiunque fosse interessato a partecipare può scriverci a asso.solougualidiritti@gmail.com.
La partecipazione è gratuita e partirà in bus da San Marco in Lamis e Foggia alle ore 9.00 del mattino e partenza orientativamente del ritorno alle ore 16.30 -17.00.
Nessuna spesa è a carico dei ragazzi e familiari.

Solo cose belle!

Lo SPORT E lo STARE INSIEME È DI TUTTI!

“Gli Essenziali” – Progetto sociale di agricoltura sociale

“Gli Essenziali” – Progetto sociale di agricoltura sociale

Il progetto “sociale” di un’azienda foggiana – Vivai Villanova – rivolto ai soggetti svantaggiati: “Da lavoratori a soci di una nuova cooperativa”. 

Nell’azienda di Rignano Garganico, in provincia di Foggia, Giovanni Terrenzio ci racconta il progetto “Coltiviamo agricoltura sociale”, premiato da Confagricoltura, che prevede l’avvio della coltivazione di piante aromatiche officinali (rosmarino, timo, menta, lavanda) per la produzione di oli essenziali con l’inserimento lavorativo di persone con disagio sociale o disabilità. In una seconda fase, i lavoratori cosi’ formati si trasformeranno in imprenditori con la costituzione di una nuova cooperativa, “Gli essenziali”, che vedrà tra i soci proprio le persone target del progetto.

 

Viaggio studio Fattorie Sociali Irlanda

Viaggio studio Fattorie Sociali Irlanda

Dal 2 al 5 ottobre scorso la Rete Fattorie Sociali ha organizzato, d’intesa con Enapra (ente di formazione di Confagricoltura), un viaggio studio nella Repubblica d’Irlanda e nell’Irlanda del Nord. Lo scopo della visita è stato quello di approfondire i caratteri delle fattorie sociali (attività, beneficiari, operatori, costi e rapporti tra azienda e partecipante) e le peculiarità del modello di supporto all’agricoltura sociale che si è sviluppato in quelle realtà. Ma la permanenza nei contesti di quei territori e il confronto diretto con gli agricoltori e gli animatori delle strutture di supporto hanno fatto emergere ulteriori problematiche. Ci siamo, pertanto, ripromessi di approfondirle, acquisendo dalle agenzie di sviluppo con cui abbiamo interloquito ulteriori informazioni e materiali di studio e ricerca.

È stata un’esperienza molto utile perché una delle difficoltà che incontriamo in Italia è proprio nel rapporto tra operatori dell’agricoltura sociale e pubbliche amministrazioni territoriali; un rapporto complicato che andrebbe invece semplificato e reso fluido; e andrebbe anche supportato da soggetti aggregativi che siano non solo riferimento delle strutture operative agricole e dei beneficiari e le loro famiglie, ma riconosciuti dai soggetti pubblici titolari delle politiche sociali e socio-sanitarie nei territori.

Premiazione progetto “essenzialMENTE vivaIO”

Premiazione progetto “essenzialMENTE vivaIO”

Sostenere l’agricoltura sociale, incoraggiando e accompagnando lo sviluppo di attività imprenditoriali capaci di coniugare sostenibilità e innovazione. Questo l’obiettivo di ”Coltiviamo agricoltura sociale”, il bando indetto da Confagricoltura e Onlus Senior-L’Età della Saggezza,con Intesa Sanpaolo e la partecipazione attiva della Rete Fattorie Sociali, in collaborazione con l’Università di Roma Tor Vergata, giunto alla sua III edizione.
Si è tenuta a Roma, nella sede di Confagricoltura, alla presenza del presidente Massimiliano Giansanti e del sottosegretario alle Politiche agricole, alimentari, forestali e del Turismo Alessandra Pesce, sono stati illustrati gli esiti dei progetti che hanno vinto l’edizione 2017. Tre i premiati: la cooperativa agricola Giuseppe Garibaldi di Roma, l’azienda agricola Vivaio Villanova di Foggia e l’azienda agricola sociale Capone di Macerata, che si è aggiudicata la sezione dedicata alle zone colpite dal terremoto.
Questi i tre progetti che hanno vinto l’edizione 2017.

“Ti p’orto l’orto con l’ape che gira” della Cooperativa G.Garibaldi, Roma
Il progetto nasce dall’esigenza di chiudere il ciclo produttivo della Cooperativa Sociale G. Garibaldi, attivando un punto vendita ambulante, attraverso il quale i giovani adulti con autismo severo della Cooperativa incontreranno al “mercato” la città, portando i frutti del proprio orto e se stessi tra la gente. L’Ape che gira diventa così un moltiplicatore di opportunità di incontro e quindi potenziale strumento abilitativo, oltre che un modo per sensibilizzare i cittadini sui disturbi dello spettro autistico.

“Essenzialmente vivaio” di “Vivai Villanova”, Foggia
Il progetto prevede l’avvio della coltivazione di piante aromatiche – officinali (rosmarino, timo, menta, lavanda) per la produzione di oli essenziali con l’inserimento lavorativo, inizialmente nella fase della produzione primaria, di persone con disagio sociale o disabilità. Il passo successivo comporta il loro inserimento nella fase della trasformazione, che culminerà nella costituzione di una nuova cooperativa, “Gli essenziali”, che vedrà tra i soci proprio le persone target del progetto.

“Ubuntu” di “Apicoltura Capone”, Pollenza in provincia di Macerata (Premio riservato alle zone terremotate)
Il progetto (Ubuntu in africano sud-sahariano indica benevolenza verso il prossimo, forte senso di umanità) prevede l’inserimento di ragazzi fragili che soffrono di ritardo mentale e dello spettro autistico nelle attività aziendali, in particolare nell’apicoltura e nell’equitazione. L’obiettivo è quello di creare una rete di aziende, associazioni ed enti pubblici, per sviluppare idee, proposte e collaborazioni volte alla rinascita economica e allo sviluppo di servizi nelle zone duramente colpite dal terremoto.

Un ringraziamento particolare a chi ha sostenuto il progetto, a chi ha creduto in noi e a chi continuerà a darci fiducia.

 


2° CORSO DI FORMAZIONE IAA 2018 – MARTINA FRANCA (TA)

2° CORSO DI FORMAZIONE IAA 2018 – MARTINA FRANCA (TA)

CORSO DI FORMAZIONE PROPEDEUTICO I.A.A. – INTERVENTI ASSISTITI CON GLI ANIMALI
11 -12 – 13 OTTOBRE 2018, MARTINA FRANCA (TA)

PROGRAMMA DIDATTICO

GIOVEDÌ 11 OTTOBRE 2018
09:00 – 13:30 (4,5 ORE) / 14:30- 17:30 (3 ORE)

Anna Pilolli – Referente Smile Puglia attività di formazione IAA
09:00 – 09:30 “Presentazione del corso e del percorso formativo”
Prof.ssa Patrizia Ponzio – Medico Vetrerinario – Università di Torino – Dip. Scienze Veterinarie
09:30 – 11:30 “I fondamenti e le caratteristiche della relazione uomo-animale”
11:30 – 13:30 “La tutela del benessere animale”
13:30 – 14:30 PAUSA PRANZO
14:30 – 15:30 “Ruoli e responsabilità delle figure professionali ed operatori coinvolti: il ruolo del medico veterinario
15:30 – 17:30 “Il Centro di Referenza Nazionale per gli Interventi Assistiti con gli Animali. Linee Guida, cornice normativa nazionale ed internazionale inerente la tutela del benessere animale. Esperienze di IAA”

VENERDÌ 12 OTTOBRE 2018
09:30 – 13:30 (4 ORE) / 14:30 – 18:30 (4 ORE)

09:30 – 10:30 Giuseppina di Cesare – Sociologa esperta AS SMILE PUGLIA – “Esperienze di IAA”
10:30 – 13:30 Gianluigi Colomba – Psicoterapeuta esperto IAA “I fondamenti e le caratteristiche della relazione uomo-animale. Esperienze di IAA”
13:30 – 14:30 PAUSA PRANZO
14:30 – 16:30 Telemaco Traverso – Psicoterapeuta esperto IAA – “Gli ambiti di lavoro: caratteristiche degli utenti e realtà operative”
16:30 – 18:30 Telemaco Traverso – Psicoterapeuta esperto IAA – “Ruoli e responsabilità delle figure professionali ed operatori coinvolti: l’equipe multidisciplinare”

SABATO 13 OTTOBRE 2018
09:.30 – 13:30 (4 ORE) / 14:30- 18:00 (3,5 ORE)

Assunta di Matteo – Pedagogista Clinico – Coordinatrice Rete Fattorie Sociali Puglia – Coordinamento Scientifico corso IAA
09:30- 12:30 “Storia e presentazione IAA”
12:30 – 13:30 “Le Fattorie Sociali e gli IAA”
13:30 – 14:30 PAUSA PRANZO
14:30 – 16:30 “Definzione di AAA, EAA, TAA”
16:30 – 18:00 “Esperienze di IAA”

CONSIDERAZIONI E VERIFICA FINALE

LE LEZIONI SI SVOLGERANNO PRESSO LA SEZIONE WWF TRULLI E GRAVINE – Monte Sant’Elia Str. pr.53 km 54 – Massafra (Ta)


Gli I.A.A. – Interventi Assistiti con gli Animali hanno valenza terapeutica, riabilitativa, educativa e ludico-ricreativa e comprendono tre ambiti di intervento: Terapie Assistite con gli Animali (TAA), Educazione Assistita con gli Animali (EAA) e Attività Assistite con gli Animali (AAA).

La presenza di un animale permette in molti casi di consolidare un rapporto emotivo con il soggetto in trattamento e, tramite questo rapporto, stabilire sia un canale di comunicazione paziente-animale-medico sia stimolare la partecipazione attiva del paziente. Gli Interventi Assistiti con gli Animali può essere sostenuta da metodologie che per mezzo della tattilità garantisce disponibilità e piacere ad abitare positivamente il proprio corpo fino a renderlo dialogante, disponibile allo scambio come il Body Work.

Corso di formazione IAA 2018 – TRICASE (LE)

Corso di formazione IAA 2018 – TRICASE (LE)

CORSO DI FORMAZIONE PROPEDEUTICO I.A.A. – INTERVENTI ASSISTITI CON GLI ANIMALI

20 – 21 – 22 SETTEMBRE 2018, TRICASE (LE)


PROGRAMMA DIDATTICO
GIOVEDI’ 20 SETTEMBRE 2018
10:00 – 13:00 (3 ORE) / 14:00 – 19:00 (5 ORE)
Assunta di Matteo – Pedagogista clinico – Coordinatrice Rete Fattorie Sociali Puglia – Coordianemento Scientifico corso IAA

10:00 – 11:00 “Presentazione del corso e del percorso formativo”
11:.00 – 13:00 “Le Fattorie sociali e gli IAA”
13:00 – 1400 PAUSA PRANZO
14:00 – 19:00 “Storia e presentazione degli IAA – Definizione di AAA, EAA e TAA”

VENERDI’ 21 SETTEMBRE 2018
09:.00 – 13:00 (4 ORE) / 14:00- 18:00 (4 ORE)

09:00 – 11:00 Assunta di MatteoPedagogista ed esperta di IAA – “Esperienze di IAA”
11:00 – 13:00 Giuseppina di CesareSociologa esperta AS SMILE PUGLIA – “Esperienze di IAA”
13:00 – 14:00 PAUSA PRANZO
14:00 – 17:00 Gianluigi Colomba – Psicoterapeuta esperto IAA – “Gli ambiti di lavoro: caratteristiche degli utenti e realtà operative”
17:00 – 18:00 Gianluigi Colomba – Psicoterapeuta esperto IAA – “Ruoli e responsabilità delle figure professionali ed operatori coinvolti: l’equipe multidisciplinare”

SABATO 22 SETTEMBRE 2018
09:.00 – 13:30 (4,5 ORE) / 14:30- 18:00 (3,5 ORE)

09:00 – 11:00 Loredana Capone – Medico veterinario – “I fondamenti e le caratteristiche della relazione uomo-animale”
11:00 – 13:30 Loredana Capone – Medico veterinario – “La tutela del benessere animale”
13:30 – 14:30 PAUSA PRANZO
14:30 – 18:00 Eugenio Milonis – Piscoterapeuta Presidente Rete IAA – “Il Centro di Referenza Nazionale per gli Interventi Assistiti con gli Animali. Linee Guida, cornice normativa nazionale ed internazionale inerente la tutela del benessere animale. Esperienze di IAA”

CONSIDERAZIONI E VERIFICA FINALE

LE LEZIONI SI SVOLGERANNO PRESSO LA COOP. SOCIALE SMILE – Via Giolitti,2- TRICASE (Le)


Gli I.A.A. – Interventi Assistiti con gli Animali hanno valenza terapeutica, riabilitativa, educativa e ludico-ricreativa e comprendono tre ambiti di intervento: Terapie Assistite con gli Animali (TAA), Educazione Assistita con gli Animali (EAA) e Attività Assistite con gli Animali (AAA).

La presenza di un animale permette in molti casi di consolidare un rapporto emotivo con il soggetto in trattamento e, tramite questo rapporto, stabilire sia un canale di comunicazione paziente-animale-medico sia stimolare la partecipazione attiva del paziente. Gli Interventi Assistiti con gli Animali può essere sostenuta da metodologie che per mezzo della tattilità garantisce disponibilità e piacere ad abitare positivamente il proprio corpo fino a renderlo dialogante, disponibile allo scambio come il Body Work.

 

Nomina dei membri della consulta territoriale per i disturbi dello spettro autistico

Nomina dei membri della consulta territoriale per i disturbi dello spettro autistico

Si è tenuta a Cerignola, presso il Servizio di Neuropsichiatria dell’Infanzia e dell’Adolescenza dell’Ospedale “Tatarella”, la seduta inaugurale della Consulta provinciale per i disturbi dello spettro autistico, prima esperienza del genere su tutto il territorio pugliese. All’incontro, presieduto dal Direttore Generale della ASL Foggia Vito Piazzolla, hanno partecipato il Direttore del Dipartimento di Salute Mentale Antonello Bellomo, le associazioni di volontariato e delle famiglie, il Comitato Consultivo Misto, gli operatori del Centro Territoriale per l’Autismo di Lucera, la responsabile dell’Area Servizi agli Studenti Valeria Puccini dell’Università di Foggia.

La Consulta nasce a conclusione di un percorso propedeutico in cui ASL, associazioni delle famiglie e di volontariato, Comitato Consultivo Misto e membri delle Società Scientifiche hanno condiviso e adattato alle esigenze del territorio la bozza del Regolamento, scelto la sede (l’Ospedale di Cerignola), nominato i componenti.

Dal mondo dell’associazionismo provengono Giovanni Totta (eletto presidente della Consulta), Mario Chimenti, Telemaco Traverso, Marcello Stefani, Maurizio Alloggio, Pasqua Labia, Walter Mancini, Angelo De Giorgi. Della Società Italiana di psichiatria sono Angelo De Giorgi e Antonio Ventriglio. A rappresentare l’Ufficio Relazioni con il Pubblico della ASL Rachele Cristino e Lina Appiano. Al gruppo si aggiungono, infine, gli operatori esperti del settore Lucia Russi, Vincenzo Orsi, Carolina Villani, Maria Assunta Mancini.

La Consulta sarà un osservatorio del fenomeno dell’autismo in provincia di Foggia: avrà il compito, infatti, di esaminare l’evolversi delle condizioni di vita, la situazione sociale e le esigenze della popolazione portatrice di disagio autistico; promuovere la partecipazione attiva delle persone con disturbo dello spettro autistico alla vita della collettività ed il riconoscimento dei loro diritti; favorire la diffusione e l’informazione delle metodologie basate sull’evidenza scientifica e dei progetti di vita indipendente; sostenere azioni finalizzate al miglioramento dell’assistenza e degli interventi educativi in favore delle persone affette da autismo.

Durante la seduta della Consulta è stato presentato il progetto per l’attivazione di un “modulo terapeutico  estensivo” riservato ai bambini di età compresa tra 6 e 11 anni, l’unico a gestione pubblica della provincia di Foggia.  Il modulo avrà sede a Cerignola nei locali che ospitano il Servizio di Neuropsichiatria dell’Infanzia e dell’Adolescenza.

La dotazione organica, attualmente rappresentata da una logopedista, una neuropsicomotricista, un educatore professionale e una psicologa, sarà completata, al termine delle procedure concorsuali, da altre figure professionali, secondo gli standard regionali. A regime, il modulo potrà erogare venti pacchetti di prestazioni ambulatoriali secondo quanto definito dal Regolamento Regionale 9/2016 che definisce i criteri per la costituzione assistenziale territoriale sanitaria e socio sanitaria per i disturbi dello Spettro Autistico.